Tour day a Pontremoli

Tour Day ritorna il 14 ed il 15 Maggio 2022:

evviva!

Ritorna il tour day a Pontremoli
tour day

Cosa è il Tour Day

Tour day è una manifestazione, particolarmente intelligente, ideata da un gruppo di giovani pontremolesi.

Intrisa di spirito epicureico e conviviale, Tour day ha come scenario il bel centro storico medievale di Pontremoli.

All’interno di questo si svolge Tour day, snodandosi lungo un percorso totalmente pedonale.

Le Tappe del Tour Day

  • Osteria da Bussè, in piazza del Duomo, 31. Zuppa Pontremolese con bicchiere di vino. Un ritorno nel passato, la zuppa che veniva servita a coloro che, dai dintorni, convergevano in Pontremoli, soprattutto, nei giorni di mercato.
  • Antica Pasticceria degli Svizzeri, in Piazza della Repubblica 21/22. Amor: il tipico dolce con il quale gli svizzeri, insediatisi a Pontremoli, nel 1842, non tardarono a farsi conoscere ed apprezzare, servito in abbinamento con l’altrettanto datato infuso di erbe, Elisir China Clementi, che, anch’esso in un tempo ormai lontano, veniva distillato dal dott. Clementi a Fivizzano (in sostituzione di quest’ultimo, a bambini e ad astemi, viene servito il succo di mela rotella della Lunigiana).
  • Bar Luciano, in Piazza Duomo 2, serve il Bianco Oro, un cocktail, caratterizzato da due aspetti: A) è buono B) è bevibile solo al Bar Luciano di Pontremoli. Infatti in nessun altro locale del mondo potrete ottenerlo.
  • Birreria del Moro, in via dei Mille, 28: Birra Artigianale con focaccina alle trebbie farcita con crema di porcini/tartufo e lardo, disponibile anche con farcitura vegetariana. Birra e focacce, prodotte con lo stesso ingrediente base: un connubio armonioso.
  • Trattoria Norina, in Via Garibaldi, 16: torta d’erbi. A Pontremoli pressoché ogni famiglia ha una propria ricetta della torta d’Erbi. Quella di Norina è apprezzatissima.
  • Pasticceria Duomo, in Piazza del Duomo, 7, Spongata o Biscotto alla Castagna denominato Pan di Stele, amor tondo con caffè. Tappa immancabile per i golosi.
  • Antica trattoria Pelliccia, in Via Cavour 137, serve il più tipico dei piatto pontremolesi: il Testarolo Artigianale.
  • Ristorante Caveau del Teatro, in Via del Teatro 4, propone l”Erbadela“, una torta di cipolle in erba e finocchio selvatico, realizzata in una versione in cui sapore e delicatezza trovano il giusto equilibrio, nonché il “Padleto“, una apprezzata frittella di farina di castagne resa ancor più gustosa quando, come in questo caso, viene servita con accompagnamento di ricotta.
  • Forno Tarantola, in Via Roma 18, propone il Ramaino. Una testimonianza di quale ampio ventaglio di sapori possa sprigionarsi da ingredienti semplici quando gli stessi vengono sapientemente impiegati.
  • Caffè Letterario, in Piazza della Repubblica: Gelato al polline di castagno della Lunigiana. In Lunigiana, le api, favorite da un ambiente incontaminato, producono un miele di qualità. Il primo in assoluto ad aver ottenuto la DoP. Peraltro con una materia prima eccezionale, il polline di castagno, si possono fare anche cose diverse dal miele. Ad esempio…il gelato!
  • Salumeria Angella, in Via Garibaldi 2, nel 1924, ha iniziato un’attività in cui il buon pane ed i migliori salumi del territorio si univano virtuosamente ed è così tutt’oggi, anche… durante il tour Day: Panino con salume nostrano (filetto, salame, coppa, mortadella, pancetta).
  • Pizzeria Pecci, in Via del Seminario, 8: Focaccia con farinata. Un piatto semplice ma non banale. Peraltro, qui, la indiscussa abilità di Pecci è esaltata dalla purezza di un ingrediente importante: l’acqua che a Pontremoli è di grande qualità.
  • Osteria San Francesco e il Lupo, in Piazza San Francesco: in un’atmosfera di gioviale simpatia, si respirano profumi e si degustano sapori non banali. In occasione del Tour Day propongono il Panino con bollito o, con formaggio nella variante vegetariana accompagnati entrambi dall’immancabile bicchiere di vino.
  • Bar Moderno-Gelateria Alvaro, in Via IV Novembre 2, propone “lo Stordente” aperitivo alcoolico. Per i bambini si consiglia una scelta diversa, magari…il gelato: saranno meno allegri ma sicuramente più contenti.
  • Osteria l’Oca Bianca, in Via Cavour 27, vi attende con la torta di riso salata della Lunigiana: un concentrato di antica sapienza gastronomica.
  • La Caverna dei Nani, in via della Bietola 4, nel cuore della Pontremoli medievale vi propone il Testarolo “pellegrino” con pancetta e stracchino in abbinamento con una birra piccola (cl. 20) prodotta da un piccolo birrificio: la Ferus.
  • La Gallina Cubista, in Via Garibaldi 32, una tappa in cui si assaggiano pecorini locali abbinati al miele DoP della Lunigiana nonché la Fettunta. Ma non una fettunta qualsiasi bensì una fettunta unta bene…con l’olio extravergine che si produce sul territorio.
  • Caffè Bellotti, in Via Garibaldi 32. Nulla è banale in questo locale ed il Tour Day è una buona occasione per verificarlo di persona sorseggiando il Cocktail Zampetti Soul: vermouth rosso, Rabarbaro Zampetti, limone e zucchero.

TourDay: piaceri enogastronomici ma anche…

recensione di Pontremoli su Trip Advisor

Una visita a Bar, ristoranti e botteghe, spesso di antica tradizione.

Ci si muove fra vicoli, piazze pavimentate in arenaria, circondati da palazzi eleganti ed internamente sontuosamente affrescati dagli artisti del Barocco pontremolese.

Si mangia, si beve, ma non di meno, si ride, si scherza, si gioca da protagonisti e non da appendice di un device. Si vive la vita: quella vera, quella che scorre al di fuori da ogni virtualità.

L’aspetto giocoso inizia già dal nome che, attraverso una dilatazione semantica, costringe il linguaggio della globalizzazione a prestare la propria universalità a supporto di un dialetto usato dalle poche migliaia di residenti in questo luogo.

Infatti Tourday, quello che gli anglobalizzati leggono come giorno del giro, per i pontremolesi non è altro che l’evocazione dei tordèi, una pasta ripiena che, in tempi non troppo lontani, compariva sulle tavole solo nei giorni di festa.

Ed è quindi attraverso un sincretismo linguistico che l’immagine del Tour day emerge in tutta la sua forza coinvolgente: il giorno del giro (a Pontremoli) ed i tordèi pontremolesi. Il tutto avvolto in un’atmosfera festiva che accomuna antichi e attuali piaceri.

Tour Day vetrina di sapori

Tour day a Pontremoli
Tour day a Pontremoli

Infine Tour day è anche una grande vetrina dei sapori. Pontremoli ha una cucina semplice ma raffinata, frutto dell’influenza di culture diverse e variegate.

Infatti, in virtù della sua posizione strategica, per secoli è stata terra contesa e dominata da signori, regnanti e imperatori con culture e tradizioni diverse.

Tutte figure che, nella loro permanenza su questo territorio, lunga o breve che fosse, non mancavano di farsi accompagnare dai migliori cuochi.

E se la buona cucina aiutava questo ceto privilegiato a sopportare meglio la durezza del vivere e, spesso, anche del combattere non di meno consentiva, al personale ingaggiato localmente per le più umili attività di cucina, di immagazzinare, con occhio attento e furbizia sorniona, saperi dei quali oggi ancor godiamo il frutto.

Alcune indicazioni pratiche:

Tour day si svolge in piena libertà. Presso l’apposito stand allestito in piazza della Repubblica, ci si dota del depliant, nel quale sono indicate tutte le 19 tappe del tour.

Non ci sono obblighi, per cui ogni partecipante può decidere quali e quante di queste golose soste possano indurlo a fermarsi.

Fra coloro che, senza peraltro svenarsi economicamente ( il costo medio di una sosta è di 3 euro), ne avranno percorse almeno 12.

Fra questi, ne verranno individuati alcuni che per il coraggio mostrato, avranno saputo disattendere i consigli di chi è uso rinunciare a vivere per eccessive paure.

Personaggi spesso intrisi di spirito penitenziale vocati a soffocare l’istinto vitale di chi li circonda con parole che dovrebbero essere vietate quali “glicemia”, “colesterolomia” e “tasso alcolico”.

Questi eroici consumatori di Amor, Bianco oro, testaroli, torte d’erbi, tordèi e quant’altro di buono potranno trovare, qui, verranno premiati. Perché Tour day è una festa ed anche una socievole competizione e, come ogni competizione che si rispetti…celebra i suoi campioni!

N.B. Dimenticavo: sbrigati a iscriverti perché Tourday è a numero chiuso!

Per info: 331 574 0114

Tanta affluenza e tanta soddisfazione da parte di coloro che hanno partecipato al Tour Day.

Ora inizia l’attesa…per il prossimo.

Call Now ButtonChiedi a Marzia